Regolamento docenti

 

La Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto promuove il Bando per progetti di sperimentazione didattica con la condivisione di intenti di IPRASE e del Dipartimento della Conoscenza della Provincia autonoma di Trento.

 

1. L’impegno della Fondazione per il sistema scolastico-formativo

 

La Fondazione Caritro interviene nel settore dell’educazione, istruzione e formazione al fine di contribuire alla crescita qualitativa dell’offerta formativa in quanto elemento cruciale per lo sviluppo della comunità. Si intende offrire al sistema scolastico-formativo trentino, in particolar modo agli insegnanti, opportunità e strumenti per accrescere le capacità di programmare, realizzare e valutare la sperimentazione di modalità didattiche secondo logiche di rete.
L’impegno della Fondazione è dunque di sostenere i processi di innovazione didattica basati sui bisogni formativi degli Istituti attraverso procedure partecipate e attività riconducibili a percorsi di ricerca-azione sul campo che valorizzino le risorse interne al sistema della formazione.

 

2. Finalità del bando

 

Tramite questo bando si intende sostenere la programmazione e realizzazione di progetti didattici sperimentali da realizzarsi presso gli istituti scolastici-formativi.
A tal fine i progetti, basati sul confronto e condivisione dei bisogni e delle idee tra comunità di insegnanti, devono possedere 3 caratteristiche essenziali:

 

1)  capacità di sperimentare

  • contenuti disciplinari, multidisciplinari o trasversali
  • modalità e metodi di insegnamento e di apprendimento innovativi

 

2)  sostenibilità dei progetti

  • nella programmazione delle diverse fasi di sviluppo delle attività
  • nell’organizzazione e gestione delle risorse umane coinvolte
  • nella pianificazione e congruità delle spese e delle entrate economiche

 

3)  trasferibilità e replicabilità delle esperienze

  • modalità di documentazione, valutazione e valorizzazione delle attività svolte
  • modalità di verifica ed analisi dei risultati raggiunti
  • modalità per narrare le esperienze maturate e condividere le buone pratiche con il sistema scolastico-formativo

 

 

3. Destinatari

 

Il bando è destinato ad Istituti scolastici-formativi di ogni ordine e grado che, condividendo bisogni ed obiettivi comuni, presentano un progetto in rete, elaborato dagli insegnanti e approvato dai rispettivi Dirigenti Scolastici.
La rete che presenta il progetto deve essere formata da almeno tre Istituti scolastici con sede in provincia di Trento.
Le reti possono essere composte anche da istituti di ordine e grado differenti e prevedere il coinvolgimento di realtà esterne al sistema scolastico-formativo (come supporto alla programmazione e realizzazione dei progetti).

 

 

4. Risorse messe a disposizione dalla Fondazione

 

In considerazione delle finalità di cui al paragrafo 2, la Fondazione intende promuovere occasioni di approfondimento e confronto durante la fase di programmazione dei progetti sperimentali e durante la fase di realizzazione delle attività con gli studenti.
Tali occasioni saranno fornite da incontri laboratoriali su alcuni ambiti di sperimentazione che stimoleranno lo sviluppo di comunità di insegnanti che condividono idee ed approfondiscono modalità per sperimentarle.

 

La Fondazione si attiva con:

  • incontri laboratoriali di approfondimento, sugli ambiti di sperimentazione, condotti da facilitatori durante la fase di programmazione
  • comunità virtuali sul sito www.vetrinadelleidee.it come strumento per agevolare scambi di idee, esperienze, punti di vista ed approfondimenti funzionali alla programmazione di progetti
  • luoghi di incontro per approfondimenti tra comunità di insegnanti
  • risorse economiche per coprire le spese di programmazione e realizzazione dei progetti sperimentali accolti
  • supporto al monitoraggio durante la fase di realizzazione dei progetti riguardo i contenuti e la gestione dei processi organizzativi

 

Il contributo richiesto alla Fondazione non può superare l’80% del costo complessivo previsto per la realizzazione dell’iniziativa. I costi residui devono essere sostenuti dalle realtà coinvolte tramite risorse proprie o contributi di terzi.

 

5. Fasi di sviluppo del bando

 

1 dicembre 2017:

Pubblicazione del bando

 

22 gennaio 2018:

Termine per l’adesione degli istituti agli incontri laboratoriali

 

febbraio-maggio 2018:

Incontri laboratoriali su ciascun ambito di sperimentazione e successive interazioni di comunità di insegnanti per la programmazione dei progetti

 

31 maggio 2018:

Termine per la presentazione dei progetti sperimentali

 

giugno-luglio 2018:

Valutazione dei progetti presentati e selezione dei migliori progetti

 

settembre 2018:

Avvio dei progetti sperimentali accolti

 

autunno 2018:

Presentazione dei progetti avviati (incontro pubblico e pubblicazione sul portale)

 

autunno 2019:

Presentazione dello stato di avanzamento dei progetti

 

a.s. 2019-2020:

Conclusione e rendicontazione dei progetti

Presentazione pubblica di progetti conclusi

Analisi delle ricadute e narrazione degli sviluppi successivi alla conclusione dei progetti

 

 

6. Adesione agli incontri laboratoriali

 

Per iscriversi agli incontri laboratoriali i docenti dovranno inviare il modulo di adesione allegato al presente bando firmato anche dal dirigente scolastico.

 

Il modulo di adesione deve essere ricevuto dalla Fondazione per e-mail all’indirizzo info@fondazionecaritro.it entro e non oltre il 22 gennaio 2018, ore 17.00.
Lo staff della Fondazione rimane a disposizione per fornire ulteriori informazioni telefoniche, via mail e su appuntamento.

La Fondazione si riserva di verificare l’opportunità di non attivare i laboratori per quegli ambiti di sperimentazione che ricevano un numero insufficiente di adesioni.

In base alla condivisione di intenti di promozione dei processi di sperimentazione didattica, Iprase riconoscerà la partecipazione degli insegnanti agli incontri laboratoriali come attività di aggiornamento. L’attestato di partecipazione, valido ai fini dell’aggiornamento, verrà rilasciato ai docenti che avranno frequentato almeno il 70% degli incontri laboratoriali per l’ambito di sperimentazione scelto.

 

 

7. Ambiti di sperimentazione

 

I progetti presentati dovranno riferirsi ad almeno uno dei seguenti ambiti:

 

  • DIDATTICA ORIENTATIVA
    sperimentazione di attività volte a sviluppare competenze personali intese come un insieme di abilità, capacità, atteggiamenti e motivazioni degli studenti per gestire con consapevolezza ed efficacia il proprio percorso formativo

 

  • LINGUAGGI ESPRESSIVI
    sperimentazione di linguaggi in progetti multidisciplinari (ad esempio: musica, teatro, arti, scrittura creativa, storytelling etc.)

 

  • CITTADINANZA ATTIVA
    sperimentazione di attività volte a leggere criticamente i fenomeni sociali, sviluppare competenze chiave europee, etc.

 

  • INCLUSIONE E INTEGRAZIONE
    sperimentazione di modalità innovative per affrontare problematiche emergenti o esistenti su bisogni educativi speciali, multiculturalismo, didattica inclusiva, educazione alle competenze relazionali, etc.

 

  • NUOVI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO
    sperimentazione di rinnovati contesti ed attività per rafforzare e facilitare l’apprendimento in ambiti quali: competenze digitali, robotica, tecnologie dell’informazione e della comunicazione, etc.

 

  • CITTADINANZA SCIENTIFICA E AMBIENTALE
    sperimentazione di attività volte alla diffusione del metodo scientifico, alla conoscenza critica su tematiche di attualità (ad esempio, slavaguardia ambientale, pianificazione territoriale, energie alternative, etc.)

 

 

Scarica qui il testo completo del bando in versione pdf