Forno di comunità

Un forno nel parco Nadac di Calavino, a disposizione della comunità locale e gestito dai volontari per promuovere l’educazione alla salute, corsi di panificazione, valorizzazione usi e costumi, valorizzazione di ricette altrimenti dimenticate.

Forno di comunità di Calavino

Obiettivo
4000 €

Raccolti
1528 €

Giorni rimasti
43

38%

 

Forno Sociale

Escono le idee | 6 – Un forno a legna comunitario per creare occasioni di incontro e socializzazione e animare gli eventi del territorio. Una proposta nuova che guarda alla tradizione. Scopri come a Escono le idee!, metti like e partecipa all'evento per votare il progetto che ti piace di più! Pro Loco Calavino

Pubblicato da Fondazione Caritro su Venerdì 22 settembre 2017

Un tempo, come testimoniano i resti del forno comunitario di Pompei, prima che in ogni casa ci fosse una cucina, si cuoceva il pane nel forno di quartiere, promuovendo indirettamente lo scambio sociale tra le persone che qui avevano un punto di riferimento.

Il paese di Calavino gode della presenza di un vasto parco (parco Nadac) messo a disposizione della comunità locale e di molte persone provenienti da comunità limitrofe. Pensando di poter valorizzare ancora di più questo spazio e di poter offrire ulteriori momenti di aggregazione e di coesione sociale, vogliamo realizzare in collaborazione con la Pro Loco un forno di comunità.

Sempre più spesso ci troviamo di fronte ad eterogenee culture che trovano non poche difficoltà nell’integrarsi. Ecco che un forno diventa quindi, oltre che un mero strumento per la cottura del pane, anche un luogo di ritrovo sociale che coinvolge tutta la comunità diventando strumento di educazione alla salute e di coinvolgimento generativo e attivo della comunità in tutte le sue forme.

Il forno sarà gestito dai volontari della Pro Loco ma sarà aperto a chiunque vorrà usufruirne: famiglie, associazioni che promuovono l’educazione alla salute, corsi di panificazione, valorizzazione usi e costumi, valorizzazione di ricette altrimenti dimenticate.

I nostri principali destinatari saranno tutti gli abitanti del comune di Madruzzo e, successivamente, gli utenti del parco Nadac provenienti da comunità limitrofe. Si stima un’affluenza annua di circa 500 utilizzatori tra famiglie e gruppi di associazioni.

Il risultati che vogliamo ottenere con questo forno sono innanzitutto quello di coinvolgere tutte le comunità vicine per unire sempre di più le nostre realtà. Un altro risultato importante è quello dell’utilizzo del forno per eventi e manifestazioni.

L’iniziativa sarà fatta conoscere attraverso i social network e successivamente con manifestazioni gastronomiche ed eventuali corsi sulla panificazione, proiezione di filmati che valorizzano il lavoro agricolo finalizzato alla panificazione e valorizzazione di un’alimentazione sana.